CATARATTA EREDITARIA - STAFFORDSHIRE BULL TERRIER

Cataratta ereditaria nello Staffordshire Bull Terrier è stata riconosciuta come una malattia ereditaria alla fine del 1970. 

 

Cani affetti sviluppano la cataratta in entrambi gli occhi in tenera età. 

La condizione non è congenita, quindi le lenti sono normali alla nascita, ma le cataratte appaiono ad un paio di settimane o mesi di età, la progressione porta totale (e la conseguente cecità) da 2 a 3 anni di età.

 

La mutazione, o modificazione della struttura del gene, probabilmente avvenuta spontaneamente in un singolo esemplare  che una volta nella popolazione è stato ereditato di generazione in generazione come qualsiasi altro gene. 

La malattia è di tipo autosomica recessiva: due copie del gene difettoso (uno ereditato da ciascun genitore) per rimanere colpiti dalla malattia. 

Gli esemplari con una sola copia del gene difettoso e una copia del gene normale - chiamati portatori- non mostrano sintomi, ma possono trasmettere il gene difettoso alla prole. 

 

Quando due portatori apparentemente sani sono accoppiati, il 25% (in media) della prole sarà affetto dalla malattia, il 25% sarà esente e il restante 50% potranno essere a loro volta portatori.

 

La mutazione del gene responsabile della malattia è stato recentemente identificato presso l'Animal Health Trust. 

Utilizzando le informazioni da questa ricerca, è stato sviluppato un test del DNA specifico per questa malattia. 

 

Questa prova diagnostica non solo cani affetti da questa malattia, ma può anche rilevare quei cani portatori, che non manifestano nessun sintomo della malattia, ma in grado di produrre cuccioli affetti. 

 

È importante eliminare tali portatori dalla  riproduzione in quanto rappresentano una riserva nascosta della malattia che può produrre cani affetti in qualsiasi momento. 

 

Condividi su Facebook

“I cani sono per metà angeli e per metà bambini”. A. De Curtis

Noi alleviamo tutti i nostri soggetti con: